ZooTool ha chiuso, serve ancora segnare i preferiti?

Un altro tool online non ce l’ha fatta. ZooTool era un servizio online di bookmarking nato in Germania per segnarsi link, immagini, video e documenti.

ZooToolGoodBye

Non è riuscito ad evolvere e diventare economicamente sostenibile. Ha così lasciato il campo aperto agli altri programmi di questo settore, mettendosi anche a disposizione se qualcuno volesse portare avanti il progetto in versione open.

Che alternative ci sono ora?
Tra quelli gratuiti il più diffuso è Delicious, che dopo un momento in cui sembrava destinato a brutta fine è riuscito a continuare a sopravvivere e rilanciarsi durante lo scorso anno, facendo uscire anche le app per iOS e Android e le estensioni per i browser.

delicious

Symbaloo (gratuito) propone un approccio interessante, almeno graficamente. Con la registrazione vi creerete un pannello (chiamato webmix) in cui andrete ad aggiungere un pulsante per ogni sito registrato, con la possivilità di personalizzarsi ogni pulsante o di condividerli facilmente.

symbaloo

Google Bookmark (gratuito, serve un account google) prevede venga attivata la cronologia web dal vostro account gmail per accedere tramite quell’account alla vostra cronologia e potersi segnare come preferiti alcuni indirizzi. In pratica si consegna a Google la cronologia completa delle nostre navigazioni per averla a disposizione anche su altri device.

In realtà mi sembra che le sincronizzazioni via cloud abbiano tolto molto spazio a questi tool. Che si usi la sincronizzazione dei preferiti di Safari via iCloud o quella di Google Sync per Chrome le alternative ora esistono senza la necessità di iscriversi all’ennesimo servizio.
Oltre alle sopracitate rispetto ad una volta uso molto più i motori di ricerca o altri strumenti come Listly o addirittura strumenti di content-curation come Storify.

Voi usate qualche strumento per segnarvi bookmark?

Autori: Cristiano Ferrari

Risolvo problemi. Il bello del consulente informatico è che i problemi riescono a non farti annoiare, dovendosi occupare di Mac, web, comunicazione, ambienti virtuali e problemi reali. Il brutto è che non sempre c'è una soluzione facile a soddisfare le aspettative.

16 Commenti

  1. Mi troverai ripetitivo ma uso FileMaker.

    Da anni sono un batterista principiante.
    Ogni volta che atterro su un buon video registro il link direttamente in un archivio FileMaker. Naturalmente ho previsto l’inserimento di parecchie altre informazioni utili come il tipo di video – Lezione o Assolo – , i dati del batterista e una descrizione come ad esempio il tipo di lezione.

    In un batter d’occhio riesco a trovare fra 1’000 link l’assolo di Joël Rosenblatt a Basilea con Bil Evans, grandioso !!!

    http://www.youtube.com/watch?v=Q50Scn6BSrY

    Ciao.

  2. Delicious era di una macchinosità infernale.. Oggi con Chrome mi ritrovo tutto su tutti i dispositivi ed è davvero utile.. Se sono fuori posso aprire una scheda che è aperta nel computer di casa, iPhone e iPad condividono gli stessi preferiti.. Semplice e funzionale, non ti devi nemmeno preoccupare di fare nulla..

      • Cristiano,

        quello che quei 10 USD (se ti segnavi prima costava di meno) ti offrono è che il servizio funziona bene (il pagamento fa anche da filtro all’ingresso) e soprattutto che dopo qualche anno non avrà come altri l’acqua alla gola e non chiuderà o si svenderà per due soldi al primo colosso danaroso (che poi lo chiuderà, snaturerà o peggio).

        nda

        • Nicola, non voglio essere frainteso sul costo di 10 $ per Pinboard. Mi sembra un prezzo molto basso per un servizio che funziona (ne pago di più per altre cose) e non sono alla ricerca per forza di soluzioni gratuite.
          Il problema è che rispetto a una volta è cambiato lo scenario: i servizi via cloud (apple e google ad es.) li ho già compresi, funzionano, mi garantiscono di funzionare a lungo e sono immediati senza configurazioni o altre impostazioni.
          Inoltre la velocità con cui si aggiungono contenuti nel web è tale che a volte una ricerca col motore di ricerca mi garantisce risultati migliori di quelli che avrei potuto segnarmi io magari un anno fa.

          Abituarsi a profilare bene le proprie ricerche lo ritengo ora più importante di organizzarsi i preferiti. 😉

        • Cristiano,

          rispondo qui perché il sistema non fa annidare il commento sotto il tuo.
          Sarò breve. Premesso che sono un fan delle soluzioni insolite e personali e che ognuno usa il sistema con cui si trova meglio, il punto è che Pinboard, Zootool o Delicious servono ad archiviare e ritrovare velocemente ed agilmente grandi moli di indirizzi. I bookmark in un browser e i motori di ricerca servono a fare altro, e sono complementari.

          nda

        • Che ognuno DEBBA usare il sistema con cui si trova meglio è fuori dubbio. 😉

          Però credo che siano cambiati talmente tanto anche i contenuti ed i loro contenitori che quei sw servano solo a chi deve fare un lavoro d’archiviazione, col rischio altissimo che comunque siano da validare ed aggiornare spesso.
          In che senso che i bookmark servono ad altro?

      • In che senso? Dopo oltre dieci anni di esperienza a maneggiare indirizzi online ti dico: in tanti sensi!
        Magari ne parliamo al Freelance camp, a voce e con qualche dispositivo sottomano per gli esempi. 🙂

        nda

Lascia un commento

I campi richiesti sono evidenziati con *.


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: