1Password 4 finalmente anche per Mac

Ormai ci servono password per accedere ad ogni servizio e se ci teniamo alla sicurezza dei nostri dati sarebbe buona abitudine usare password diverse tra i vari servizi. Diventa un esigenza diffusa quindi quella di segnarsi le varie password, possibilmente non sul classico foglietto da portarsi dietro o su un file di testo chiamato con molta fantasia password.txt.

1Password

Da qualche anno uso con molta soddisfazione 1Password, software della Agile Bits, che ebbi la fortuna di scoprire grazie ad un bundle. Tra i vari software che fanno questo mestiere (di cui magari farò prossimamente una carrellata) uno dei motivi che mi fece scegliere proprio questo (non l’unico) fu che mi permetteva di sincronizzare i miei dati da proteggere tra Mac, iPhone e iPad. Il programma esiste anche per Windows ed Android nel caso qualcuno volesse sincronizzare tra sistemi misti.

L’interfaccia è ottima e intuitiva, quando si registra una licenza di un software installato ne rileva automaticamente l’icona così come registrando un accesso ad un sito ne scarica la preview della pagina e la favicon da mostrare nell’elenco.

1password

Orientarsi tra le tante password registrate diventa così facilissimo, aiutati anche dalla possibilità di usare tags e cartelle smart per tenerle in ordine a nostro piacimento. È naturalmente possibile installare delle estensioni per i browser in modo da far compilare direttamente a 1Password i form di login dei vari siti mentre navighiamo sul web, previo inserimento della Master password del programma che in pratica diventa l’unica password che dobbiamo ricordarci oltre a quella da amministratore del computer per gestire tutti i nostri dati.

Finalmente è uscita la versione 4 del programma per OsX, mentre la stessa versione per iOS era già uscita da qualche mese ed avevo avuto la possibilità di apprezzarla tantissimo.

Tante sono le novità di questa versione, la cui interfaccia è stata completamente riprogettata. C’è ora la possibilità all’interno dello stesso utente di crearsi varie “cassaforti” con la propria password per poter tenere separate credenziali di tipo diverso (es. quelle personali da quelle professionali – che magari sono da condividere).

1password

Uno strumento permette di trovare le password duplicate ed anche di analizzare quali sono le password che non vengono cambiate da tanto tempo, visto che ad ogni cambio di password 1Password storicizza le vecchie e ci permette di ricostruirne la storia, utile per quei servizi tipo le banche dove vietano di riutilizzare una password usata in tempi precedenti.

Sono aumentate le possibilità di sincronizzazione dei dati, che oltre a DropBox possono ora essere anche sincronizzati via iCloud o tramite una cartella, scelta quest’ultima che permette così di scegliere una cartella di un altro servizio online (Copy, Google Drive, Sugar Sync, ecc…).

Infine è stata aggiunto sulla barra dei menù un gestore rapido per velocizzare le ricerche dentro le varie password registrate. Ovviamente dal loro sito è possibile scaricarne una versione di prova perfettamente funzionante per 30 giorni.

Prezzi:
Il programma è in vendita sia sull’App Store che sul sito del produttore al prezzo di 39,99 $ (solo per il periodo di lancio perché poi sarà di 49,99 $). Sono previsti sconti per la family license (permette l’utilizzo a 5 persone) così come è previsto un upgrade (24,99 $) per chi avesse le versioni precedenti. Se a prima vista può sembrare caro come programma si tratta indubbiamente del migliore prodotto del genere e del più completo. Si tratta in fondo di decidere che valore date ai vostri dati riservati ed allora questo prezzo non vi sembrerà più così alto.

Autori: Cristiano Ferrari

Risolvo problemi. Il bello del consulente informatico è che i problemi riescono a non farti annoiare, dovendosi occupare di Mac, web, comunicazione, ambienti virtuali e problemi reali. Il brutto è che non sempre c'è una soluzione facile a soddisfare le aspettative.

5 Commenti

  1. Ho sempre voluto provare 1 Password ma il prezzo, a mio avviso, è esorbitante. Alla fine utilizzo Password Safe, freeware per mac, linux, win e per ios ho comprato le versioni ad hoc senza spendere più di 5€. Sincronizzazione del database grazie a dropbox.

    • Lo so che costicchia, infatti la prima versione la presi in un bundle con altri sw. Però dopo averli provati tutti ho scelto di usare 1P, per le mie esigenze ed un alto numero di schede da gestire.
      Prossimamente (tipo in 1 settimana) farò un altro post sul gestire le password e tra i vari avevo già inserito anche Password Safe.

  2. A me dal passaggio dalla versione 3 alla 4 non va più il riconoscimento automatico dei programmi delle relative versioni e icone, funziona anche per te così?

  3. Pingback: Dove salvate le vostre password? | mele quadre

Lascia un commento

I campi richiesti sono evidenziati con *.


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: